Riformisti per l'Autonomia

di Angela Di Fiore




Incorpora






Campagna di raccolta fondi a sostegno della lista Riformisti per l’Autonomia, candidati Diritti, Opportunità, Equità.


Riformisti per l'Autonomia, Diritti, Equità, Opportunità, si presenta alle elezioni provinciali del 27 ottobre 2013 all'interno della coalizione di centro-sinistra.
Questo progetto di crowdfunding ha lo scopo di fornire sostegno economico alla campagna elettorale della lista, anche alla luce della spending review sui rimborsi elettorali.


Il budget è di 3000€ e coprirà le spese delle campagna.


Qualora anche un solo candidato venisse eletto in Consiglio Provinciale le donazioni verranno devolute a sostegno di progetti no-profit e le spese per la campagna verranno coperte con lo stipendio dei consiglieri eletti in lista.



Le donazioni verranno trattenute solo nel caso in cui nessun esponente della lista venisse eletto e questo al fine di aiutare i candidati a coprire le spese sostenute durante della campagna elettorale.


Al momento stiamo ancora valutando quale realtà no-profit sostenere.



Se sei una realtà che opera nel volontariato(sociale, sportivo, culturale) o a sostegno di un’economia sostenibile e solidale, inviaci il tuo progetto all'indirizzo email: riformistiperlautonomia@gmail.com



Lo valuteremo e se sarà ritenuto valido potrà ricevere le donazioni che otterremo tramite la campagna di crowdfunding.


Nella gestione dei fondi ottenuti dalle donazioni trasparenza sarà la parola chiave.



Alla fine della campagna di crowdfunding restituiremo un report input-output relativo all'entità delle donazioni e all'utilizzo nel dettaglio di come sono state utlizzate.


Entro il 30 novembre 2013 saranno messi online tutti i movimenti per offrire la massima trasparenza di cosa è transitato sul conto corrente di riferimento. 


Una donazione a sostegno di una visione.


A seguire un breve riassunto degli spunti programmatici che Riformisti per l'Autonomia hanno presentato in coalizione.


Autonomia interpretata come occasione di innovazione politica, culturale e collettiva, mettendo al centro le necessità collettive di vedere tutelati ed estesi i propri diritti, di guardare al futuro come laboratorio di opportunità e di sentirsi costantemente trattati con equità.


Una voce di sinistra nel governo del territorio, che dialoghi con le buone intuizioni del passato, consapevole dei limiti delle pratiche conservatrici.


La nostra visione è quella di chi crede che solo diritti, opportunità ed equità possano garantire una vita piena e dignitosa a chiunque.


I punti programmatici si snodano attraverso tre aree:



  1. Ricerca e Università
    Ricerca come fonte delle innovazioni intellettuali necessarie per affrontare collettivamente le sfide dei prossimi anni. Noi proponiamo il miglioramento qualitativo della ricerca trentina e il rafforzamento del ruolo di chi lavora nella ricerca attraverso la costituzione e il rafforzamento di organismi di rappresentanza, favorendo così la trasparenza nei processi decisionali.


  2. Scuola Pubblica e Laicità
    Diritto ad un’istruzione di alta qualità per tutti i cittadini garantendo prima di tutto la qualità del servizio pubblico e laicità quale valore supremo del nostro ordinamento repubblicano. I Riformisti esprimono un desiderio condiviso di garantire la pari dignità di tutti i trentini. Per questo riteniamo che ci debba essere un impegno ad adottare un quadro legislativo rinforzato e rinnovato contro le discriminazioni e le violenze.
    Ad esempio dando seguito ad una proposta di legge di iniziativa popolare sulla discriminazione per orientamento sessuale, identità di genere e intersessualità e pensando ad altri strumenti per favorire una maggiore inclusione dei gruppi sociali minoritari.


  3. Economia, Lavoro e Stato Sociale
    Per le imprese, si devono creare le condizioni necessarie alla loro qualificazione, competitività e sostenibilità in un contesto ormai indirizzato verso la più ampia globalizzazione. L’azienda deve essere partecipe e parte integrante di un sistema di sostegno e valorizzazione del territorio dove opera e volto a favorire le migliori condizioni sociali a tutti i cittadini.
    Non fosse esistita la “Cooperazione”, il Trentino sarebbe più povero, meno produttivo e con una classe dirigente meno sensibile alle tematiche sociali. Parlare di cooperazione oggi vuol dire avere ben presenti le potenzialità innovative che questo tipo di organizzazione economica può immettere nella società trentina.



I Riformisti credono che i costi della crisi non debbano essere caricati sui più deboli ma che l'autonomia trentina debba intervenire per una migliore redistribuzione delle risorse, non solo attraverso la trasmissione di denaro ma anche attraverso un cambiamento nelle pratiche decisionali che consideri centrale la condizione sociale dei più deboli.


 


I tre punti fermi da cui partire sono:



  • L'estensione di forme di sostegno al reddito, con l'obiettivo di lungo periodo di un reddito di base incondizionato;

  • La strutturazione di percorsi di qualificazione e formazione, che alzino il livello di competenze disponibili sul territorio;

  • Contrasto alla precarietà che non si risolve nella semplice richiesta di stabilizzazioni, ma in un ripensamento dei modelli di organizzazione degli appalti e delle relazioni industriali.


 Per visualizzare il programma completo visita i nostri portali di riferimento:



 




€445

raccolti su un obiettivo di €400

10

finanziatori

Finanziato!

111% finanziato

Keep it all  

Campagna conclusa

Team

Diritti, opportunità, equità.


© 2017 DeRev S.r.l. - Via dei Mille, 1 - 80121 Napoli (Italia)
Codice Fiscale / Partita IVA: 07255501210
Capitale Sociale: € 18.890,00 - REA: NA - 871554