Questa casa non è un albergo

di Compagnia Pubblica Assistenza Humanitas Scandicci

Uno spazio di aggregazione e confronto creativo, con lo scopo di sostenere, attraverso percorsi formativi mirati e riconosciuti, i ragazzi nelle sfide evolutive tipiche del periodo adolescenziale, al fine di prevenire disagio e marginalizzazione.


Incorpora


Image title



L’idea è quella di organizzare e realizzare una serie di corsi di formazione professionali e relazionali, riconosciuti a norma di legge e rivolti a ragazze e ragazzi adolescenti del territorio scandiccese, con lo scopo di fornire loro gli strumenti necessari per affrontare nel miglior modo possibile le sfide e le difficoltà tipiche del periodo adolescenziale. I corsi realizzati saranno: teatro allo specchio, barman e barlady, primo soccorso BLS, bon ton, mise en place, Haccp.



Image title



 



I nostri obiettivi



L’approccio educativo pensato, strutturato e collaudato nel corso degli anni, ha come obiettivo ultimo il potenziamento delle competenze cognitive e relazionali delle ragazze e dei ragazzi e delle capacità di adattamento evolutivo, andando a svolgere anche e soprattutto una funzione di prevenzione primaria rispetto a potenziali forme di disagio e marginalizzazione. Inoltre, il rilascio di attestati a fine corso, riconosciuti e validi secondo le disposizioni di norma vigenti in materia, fornirà loro uno strumento spendibile nel mondo del lavoro.



Image title



 



Le nostre motivazioni



La Mission fondamentale e irrinunciabile della P. A. Humanitas è quella di fornire sostegno a chiunque versi in condizioni di fragilità. Fragilità di tipo medico, di tipo socio-sanitario, di tipo socio-culturale. Queste fragilità, da 120 anni ormai, l’associazione ha sempre cercato di combatterle in modo organico e frontale con azioni concrete sul territorio, con l’obiettivo di conciliare i bisogni emergenti del territorio e della base sociale, senza mai perdere di vista la collocazione centrale del socio e dei suoi familiari, nel rispetto dei principi di gratuità, solidarietà, laicità e partecipazione. Principi sempre validi, che dettano l’azione sociale della Compagnia di Pubblica Assistenza Humanitas Scandicci. Il progetto “Questa casa non è un albergo” rientra a pieno nelle finalità associative e rappresenta un’azione concreta sul territorio utile a combattere le fragilità di un target sociale altrimenti a rischio marginalizzazione.



Image title



 



Cosa chiediamo e cosa offriamo



La cifra che si punta ad ottenere ammonta a 4.000 euro e sarà utilizzata per coprire le spese relative all’organizzazione e alla realizzazione pratica e concreta del progetto sopra descritto. Nello specifico, il fondi finanziati saranno impiegati per affrontare le spese relative al personale educativo impiegato e alla docenze dei professionisti qualificati, per il materiale e le attrezzature di vario genere e per l’etichettatura Haccp.



Il progetto sarà realizzato attraverso incontri a cadenza settimanale per ogni corso, duranti i quali i docenti e i professionisti terranno le lezioni relative ai singoli corsi. Il progetto prevede una durata complessiva di almeno 7 mesi.



Ai finanziatori, che dimostrano simpatia nei confronti del nostro progetto possiamo offrire una, per noi inestimabile, ricompensa simbolica: a conclusione del progetto verrà realizzato un video in cui i partecipanti a “Questa casa non è un albergo” ringrazieranno singolarmente e pubblicamente i finanziatori del progetto. Il video sarà diffuso sui social e alla stampa.



Mentre per i grandi donatori offriamo partnership e sponsor, con l’aggiunta di loghi e menzioni nel progetto, agli eventi e in tutte le relative comunicazioni. 



Ma soprattutto, ad ognuno di loro, la P. A. Humanitas offre il massimo impegno e la massima professionalità del team associativo per il raggiungimento degli importantissimi fini sociali che il progetto punta a raggiungere.



 



Image title



 



Rischi e sfide



Punti sensibili del progetto sono rappresentati sicuramente dalla scarsa disponibilità di risorse economiche e dagli spazi, a volte insufficienti, che possono rappresentare una limitazione numerica della partecipazione degli adolescenti del territorio. Il problema è sempre stato affrontato con una scrupolosa organizzazione logistica, volta ad incasellare le varie attività associative, e un forte spirito di adattamento dello staff associativo e dei partecipanti al progetto.



Altro punto sensibile è rappresentato indubbiamente dalla diffidenza iniziale con cui solitamente gli adolescenti affrontano le nuove situazioni, soprattutto quelle che comportano un confronto di gruppo. Anche questo ostacolo è sempre stato affrontato e risolto con ottimi risultati grazie alla preparazione accademica e alla formazione degli operatori impiegati nella gestione del progetto.



 



Image title



 



Chi siamo



La Compagnia di Pubblica Assistenza Humanitas di Scandicci, da sempre, vanta una notevole propensione all’ascolto, all’inclusione sociale, al sostegno verso le fasce più deboli e svantaggiate del tessuto sociale circostante. Ma vanta soprattutto una capacità e un’attitudine fondamentale, troppo spesso, purtroppo, difficile da trovare in altri contesti: riconoscere e concedere fiducia. Fiducia nelle potenzialità e nelle capacità del singolo. Fiducia nelle passioni, nello spirito di solidarietà, nell’impegno che spesso, soprattutto ai ragazzi che si portano dietro un’etichetta sociale, non viene riconosciuta. E che tende ad incattivirli e a spingergli sempre più ai margini sociali. Queste competenze, queste attitudini e queste propensioni che l’Humanitas di Scandicci si trova nel proprio Dna da 120 anni, rappresentano indubbiamente un fattore di fondamentale rilevanza per il progetto.



 



Realizzazione del progetto



 



Il progetto “Questa casa non è un albergo”, attivo ormai da quattro anni, vede coinvolti ragazze e ragazzi in una fascia d’età compresa tra gli undici e i diciotto anni. I protagonisti sono stati segnalati dai Servizi Sociali del territorio Scandiccese e Fiorentino e dalle scuole, ma vi sono tuttavia anche diversi partecipanti che hanno deciso di aderirvi per motu proprio.



Quest’anno i partecipanti saranno complessivamente diciassette. E anche quest’anno, puntando sull’intelligenza pratica e su una formazione specifica, sia emotigena che funzionale, saranno organizzati e proposti corsi e laboratori dove ogni partecipante potrà intraprendere un determinato e mirato percorso di crescita umana, relazionale e professionale.



Le attività formative, tenute da professionisti e docenti qualificati, verranno svolte ogni giorno dalle ore 16.30 alle 19.00, presso i locali associativi siti in via Bessi n. 2 a Scandicci (Firenze). Al termine di ogni percorso formativo i partecipanti dovranno sostenere una prova finale, fondamentale affinché il percorso venga affrontato con impegno e partecipazione. Verrà quindi rilasciato un attestato valido ai fini di legge e spendibile sul mercato del lavoro.



Inevitabilmente la realizzazione di un progetto di questo tipo, affinché venga realizzato nella sua pienezza, comporta una serie di spese, come prima accennato, che annualmente l’associazione deve sostenere. Nello specifico quest’anno i fondi saranno impiegati per far fronte alle seguenti spese:




  • Personale educativo impiegato;


    • Docenze di professionisti qualificati per i vari corsi;


    • Materiali e attrezzature di vario genere;


    • Docente ed etichettatura Haccp;


    • Stampe.





 



I partecipanti alle attività formative, verranno inseriti previo colloquio con genitori/tutori, volto a verificare la coerenza tra gli obiettivi perseguiti dal progetto e i bisogni specifici del singolo, con successiva compilazione dell’apposita scheda di partecipazione.



Il percorso sarà monitorato mediante l’utilizzo di griglie di osservazione mensili, che consentono una valutazione e/o ridefinizione degli obiettivi prefissati per ciascun individuo.



Nel corso dell’anno saranno inoltre realizzati all’interno delle scuole incontri con gli insegnanti di riferimento, oltre che con i servizi sociali e le famiglie, per la verifica e il monitoraggio degli obiettivi dei percorsi dei singoli ragazzi partecipanti.



Le figure coinvolte saranno le seguenti:



Assistenti sociali



Insegnanti



Educatore professionale



Associazioni del territorio



Operatori delle comunità residenziali per minori



Neuropsichiatria



€8.000

raccolti su un obiettivo di €8.000

4

finanziatori

Finanziato!

100% finanziato

Keep it all  

Campagna conclusa

Team

Il team è multidisciplinare, al fine di realizzare in maniera frontale e globale l’intero percorso progettuale, ed è composto da assistenti sociali, insegnanti, educatori, operatori delle comunità residenziali per minori e neuropsichiatria.


Ricompense

di almeno €5 o più


RICOMPENSA HUMANITAS

• Ricompense simboliche: a conclusione del progetto verrà realizzato un video in cui i partecipanti a “Questa casa non è un albergo” ringrazieranno singolarmente e pubblicamente i finanziatori del progetto. Il video sarà diffuso sui social e alla stampa.


Tempi di consegna:

Spedizione:

di almeno €1.000 o più


Ricompense per grandi donatori:

Partnership e sponsor, con l’aggiunta di loghi e menzioni nel progetto, agli eventi e in tutte le comunicazioni;


Tempi di consegna:

Spedizione:

© 2017 DeRev S.r.l. - Via dei Mille, 1 - 80121 Napoli (Italia)
Codice Fiscale / Partita IVA: 07255501210
Capitale Sociale: € 18.890,00 - REA: NA - 871554