Linee Guida

I principi su cui è fondata
la community di DeRev

DeRev è una piattaforma di crowdfunding per trasformare le migliori idee in progetti reali. La nostra community unisce i creativi, gli innovatori e le organizzazioni con migliaia di persone appassionate ed entusiaste che hanno a cuore i loro progetti e contribuiscono a realizzarli. Tutte le campagne di DeRev hanno in comune alcune caratteristiche che rispecchiano lo spirito e la filosofia della nostra piattaforma.

1. Ogni progetto rientra in una delle categorie di DeRev

 

Arte e Cultura

Arti visive, Cinema e video, Danza, Design, Editoria, Food, Fotografia, Fumetti, Giornalismo, Moda, Musica, Ricerca, Scuola e istruzione, Teatro, Altro.

 
 

Civic Crowdfunding

Parchi e giardini, Servizi, Ambiente, Arredo urbano, Commercio, Eventi, Sicurezza, Spazi pubblici, Trasporti, Monumenti, Altro.

 
 

Non Profit

Diritti umani, Inclusione sociale, Multiculturalismo, Religione, Salute, Volontariato, Ambiente, Animali, Altro.

 
 

Sport

Motori, Nuoto, Pallavolo, Rugby, Running, Sport acquatici, Sport invernali, Tennis, Arti marziali, Atletica, Basket, Calcio, Fitness, Altro.

 
 

Tecnologia e Startup

Hardware, Makers, Mobile, Software, Startup, Videogame, Web, Altro.

 

2. Le campagne di DeRev non finanziano esigenze personali o oggetti proibiti

Su DeRev non è possibile lanciare campagne di crowdfunding con l'obiettivo di promuovere o finanziare le proprie necessità personali, come spese mediche o acquisti personali, ma solo progetti da condividere con gli altri. Inoltre, su DeRev non sono consentiti oggetti illegali o che rientrano nell'elenco di quelli proibiti:

  • Armi, accessori e altri oggetti pericolosi;
  • Concorsi a premi, contest, offerte promozionali e sconti;
  • Cure mediche, terapie, farmaci e bevande energetiche;
  • Materiale offensivo, violento o razzista;
  • Materiale pornografico o pedopornografico;
  • Compravendita e rivendita di prodotti o servizi;
  • Tabacco, alcolici, droghe e accessori per l'assunzione di droghe;
  • Servizi finanziari, bancari, telefonici e relativi allo scambio di denaro;
  • Progetti che offrono come ricompensa oggetti non legati al progetto stesso o non realizzati dagli autori;
  • Progetti che offrono come ricompensa soldi o oggetti che rientrano tra quelli proibiti.

3. Gli autori di una campagna sono responsabili del progetto, dei fondi raccolti e delle ricompense

Tutte le campagne di crowdfunding sono create e gestite in maniera indipendente dai loro autori e dal loro team, senza alcuni coinvolgimento o responsabilità da parte di DeRev. Per questo motivo, gli autori sono totalmente responsabili nei confronti dei sostenitori, e in alcuni casi anche nei confronti della piattaforma.

I diversi modelli di crowdfunding consentono di utilizzare la formula più efficace per ogni progetto, scegliendo di ricevere i fondi a fine campagna solo se viene raccolto l'intero budget richiesto oppure al momento del pagamento indipendentemente dal raggiungimento dell'obiettivo.

Chi seleziona la modalità "Keep it All" garantisce che il progetto verrà realizzato anche se non raccoglie tutto il budget richiesto, confermando di poterlo completare anche con un importo minore o trovando il rimanente da altre fonti. In entrambi i casi, gli autori si impegnano a spedire le ricompense ai sostenitori che le hanno richieste e ad utilizzare tutti i contributi ricevuti esclusivamente per il progetto o a restituirli.

4. I contenuti pubblicati sono trasparenti, veritieri e di qualità

DeRev garantisce ai progetti un'elevatissima visibilità sul web e sui media, ma il successo di una campagna dipende sempre dal valore del progetto e dalla qualittà dei contenuti con cui viene presentato. E' fondamentale curare con estrema attenzione tutti i dettagli e le descrizioni per raccontare fedelmente il progetto.

Le Rivoluzioni raccontano il progetto in maniera chiara e onesta, specificando tutte le esigenze e le fasi necessarie alla sua realizzazione, senza creare confusione o ambiguità.
La trasparenza premia sempre: tutte le spiegazioni e i contenuti aggiuntivi - prototipi, mockup, dettagli su tempi e costi, grafiche o illustrazioni - sono utili a chiarire ogni possibile dubbio dei sostenitori.

5. Gli autori mantengono il 100% dei diritti sul proprio progetto

Chi finanzia un progetto con il crowdfunding non ottiene profitti economici e non ne acquisisce alcun diritto di proprietà, ma contribuisce a realizzare qualcosa che ancora non esiste. Lo fa perchè lo appassiona, per ricevere una ricompensa, perchè ha a cuore l'obiettivo della campagna, per solidarietà o per divertimento.

6. Le Rivoluzioni crescono e si fanno conoscere evitando lo spam

Per innescare la viralità che amplifica la diffusione di una campagna sul web, l'unico trucco è quello di costruire una buona strategia di comunicazione prima del lancio e pianificare le proprie mosse, dagli eventi pubblici ai post sui social media. Tuttavia, in questa fase bisogna fare attenzione a non esagerare, trasformando la promozione di un progetto in spam, ovvero l'invio massiccio di inviti e messaggi indesiderati. Oltre ad essere fastidioso e vietato su DeRev, lo spam è controproducente per il successo di una Rivoluzione poiché genera antipatia da parte degli utenti e la cattiva reputazione dell'intero progetto.

7. Gli autori di una campagna parlano con gli utenti

Prima o dopo aver contribuito a una campagna, tutti gli utenti desiderano parlare con il team per fare domande o discutere della realizzazione del progetto. Il confronto con la community è sempre incoraggiato, poiché incentiva i sostenitori e aiuta gli autori a migliorare il progetto attraverso feedback e proposte.
Tuttavia, affinché la discussione sia utile e costruttiva, è necessario che entrambe le parti dialoghino in maniera educata, rispettosa e tollerante da entrambe le parti.

© 2017 DeRev S.r.l. - Via dei Mille, 1 - 80121 Napoli (Italia)
Codice Fiscale / Partita IVA: 07255501210
Capitale Sociale: € 18.890,00 - REA: NA - 871554