Ancestors Tour

di Michele Cartusciello

La curiosità e i suoi perché...

28 Settembre 2015 - 17:46

Avete presente la curiosità? Sì, proprio la curiosità, quella dei bambini che ad una certa età cominciano a chiedersi il perché e anche il "per come" di ogni cosa che sentono e vedono?

Ecco, quella è la stessa curiosità delle persone che, appena varcano la soglia del mio museo, il Museo del Cognome, mi chiedono stupiti il perché di tale nome e il "per come" di tale luogo.

Allora io, che sono stato il primo a pormi delle domande molto tempo fa, inizio col spiegare la mia passione per la genealogia e di come mi abbia portato fin qui.

E' nata dalla voglia di scoprire la storia della mia famiglia, storia di cui non sapevo molto se non quello che mia madre è riuscito a dirmi e nessun altro a raccontarmi, perché, proprio quel qualcuno, all'improvviso è venuto a mancare.

Con un po' di fatica, ma aiutato da tanta caparbietà, ho portato avanti la mia curiosità, raccogliendo e mettendo insieme i tasselli mancanti.

Io ho avuto la fortuna di camminare tra le stradine del mio paese, assaporare i profumi della mia terra, ma chi è emigrato all'estero o chi è nato da emigranti non è stato così fortunato. E così ha maturato in sé quella curiosità, voglia di scoprire le proprie origini, vivere quelle abitudini e calpestare la terra che ha visto crescere i propri nonni, bisnonni.

Ecco come è nato il progetto Ancestors Tour, dalla volontà di dare la possibilità a coloro che vogliono conoscere il paese d'origine dei proprio antenati e vivere le emozioni di tuffarsi nel passato per mettere insieme i pezzi della propria storia.


L'Ancestors Tour conquisterà l'America?

28 Settembre 2015 - 17:46

Tra documenti da sfogliare e pioggia scrosciante da cui ripararsi, oggi lasciamo che sia qualcun altro a parlare di noi e del nostro progetto Ancestors Tour

Ecco per voi una recensione su la "Città di Salerno": 

Il Museo del Cognome alla conquista degli Stati Uniti

Buona lettura! 

 


Ecco un video del 1950 che riguarda Padula e i suoi cittadini durante una delle tradizionali preocessioni. Quando le tradizioni e le origini vanno rispolverate, diffuse e condivise.

Buona visione a tutti:

Padula e i Padulesi - 1950 - 


Il Cognome e la sua storia

28 Settembre 2015 - 17:46

Il cognome è l’identificativo di una famiglia, si tramanda di generazione in generazione, da padre in figlio. La sua storia è molto lunga, e per questo, col passare degli anni, ha subìto delle variazioni, perdendo quella che era la sua originalità.

Già gli antichi romani distinguevano le persone libere con un praenomen, il nostro attuale nome, con un nomen che distingueva le famiglie e, successivamente, per distinguere le famiglie originarie da uno stesso ceppo, si aggiunse il cognomen, meglio conosciuto come soprannome di famiglia.

A seguito della fine dell’impero Romano, il suo utilizzo è andato via via scomparendo, per poi ritornare di moda nel 1000 – 1100, nelle famiglie illustri. La gente comune, invece, veniva identificata con il nome, paternità, soprannome o con la località d’origine, appellativo quest’ultimo, che bastava a distinguere un gruppo famigliare da un altro.

Bisogna tener conto però che, a quei tempi, la popolazione era ancora divisa tra nobili e servitori. Soltanto verso la fine del 1300, 1400 e inizi del 1500, il cognome cominciò a essere utilizzato anche tra la gente comune.


Un bianco e nero carico di vividi ricordi

28 Settembre 2015 - 17:46

Nell'era del digitale dove luci, colori, volti e sorrisi vengono trasformati dalle mode, la nostalgia del passato e di ciò che si è sentito e visto ritorna vivo quando tra le mani spunta uno scatto in bianco e nero del 1957, dove i protagonisti sono le famiglie, i bambini, una comunità raccolta in un giorno di festa, nel luogo conosciuto come i "Fuoss", Piazza Umberto I, Padula.

Ecco che il valore di una fotografia aumenta quando si vogliono mantenere vivi i ricordi, le emozioni di un tempo che fu,  ripercorrere i passi dei nostri nonni, bisnonni e riascoltare i loro racconti di vita, immaginare di poterli ancora assaporare e stringere tra le mani.


Storie di emigrazione

28 Settembre 2015 - 17:46

Emigrazione, una conseguenza della povertà e non solo. Ecco una storia di un emigrato italiano e del suo arrivo negli States: 

Emigration story: Vincenzo Bubolo and Maria Rosa Vegliante


Recensione sul Museo, dal Brasile

28 Settembre 2015 - 17:46

Hanno detto di noi su TripAdvisor:

Pierina, dal Brasile, Italiana d'origine:

"Imperdível. Recomendo para quem vier ao sul da Itália, umas horas no museu do sobrenome. Repleto de fotos e estudos genealógicos. Super atenciosos. Show."

www.tripadvisor.it


 


No mês de setembro de 2014, tive a feliz oportunidade de, juntamente com minhas tias, fazer turismo genealógico pelo sul da Itália, promovido pelo Museo del Cognome, sediado em Padula. Todos nós já conhecíamos a Itália, mas, desta vez, nosso objetivo era estar em várias cidades de origem de nossos antepassados.

O simpático Michele Cartusciello, responsável pelo museu, buscou-nos no aeroporto de Nápoles, fazendo um breve passeio pelo centro histórico dessa cidade. Fomos à praça Dante Alighieri, à rua dos presépios, à Igreja de S. Gennaro, além de apreciar uma pizza e o delicioso babbá, típico doce napolitano.

Napoli

 

Depois seguimos para Padula, cidade de origem de nossos antepassados da família Santomauro, onde ficamos hospedados alguns dias e, a partir dali, viajamos para outros lugares.

Nesse período, passeamos pelas ruas centrais de Padula, palco de fatos históricos que envolveram o revolucionário Carlo Pisacane; estivemos numa Mostra de Presépios e, logicamente, no Museo del Cognome. Além disso, aprendemos muito sobre a história da região no Museo Civico Multimediale e conhecemos a belíssima Certosa de S. Lorenzo, onde há um brasão em mármore da família Bigotti, da qual também descendemos.

Num dia, descemos para o mar, onde almoçamos na Marina de Camerota e fizemos uma parada na agradável cidade de Scario. Dali, seguimos para Cannalonga, com o objetivo de conhecer o Palazzo Torrusio.

Foi uma ocasião muito especial para nós, pois, além de conhecermos alguns parentes distantes pelo lado da família Torrusio, muito simpáticos, educados e acolhedores, tivemos a oportunidade de participar da centenária Feira da Frecagnola. Apreciamos muita comida local, além de show com boa música regional até a noite. Foi uma experiência maravilhosa!

Na manhã seguinte, foi muito emocionante conhecer Montesano sulla Marcellana, onde nosso antepassado Nicola Cestari, líder político do lugar, foi brutalmente assassinado por sanfedistas após plantar a árvore da liberdade em 1799. Ali, tivemos a grata satisfação de conhecer um descendente de Nicola Cestari que, com muita simpatia e atenção, apresentou-nos o Palazzo Cestari, que está sendo reformado.

Pude pegar carona com esse nosso parente distante em seu antigo FIAT 500 e nos dirigimos até a Capela de S. Marie delle Grazie, pertencente aos Cestari. Em seguida, conhecemos uma propriedade rural, com um moinho, que pertenceu a Nicola Cestari e, atualmente, ainda é de seu descendente. Por fim, fomos ao Convento dei Capuccini, cuja parte que pertenceu aos Cestari, atualmente, abriga um museu da fotografia.

Na mesma tarde, estivemos em Tramutola, simpática cidade da Basilicata, de origem dos meus antepassados Marotta. Ali tentamos localizar o palazzo dessa família e acabamos por encontrá-lo somente após a indicação da proprietária do bom restaurante em que almoçamos. À noite ainda fomos comer uma deliciosa pizza em Teggiano.

No dia seguinte, Michele Cartusciello, do Museo del Cognome, surpreendeu-nos organizando um pic-nic com comidas típicas na Cascata dell’Auso, em Sant’Angelo a Fasanella. Lugar muito aprazível, com belíssima cachoeira, uma ponte romana e um antigo moinho.

Depois, seguimos até Polla, onde pudemos conhecer pessoalmente o Professor Raffaele Verlangieri, nosso parente com quem me correspondia há décadas. Ele levou-nos para conhecer o Convento de S. Antonio, bem como o Palazzo Santomauro e o Palazzo Verlangieri, onde residiram minha bisavó, meus trisavós e outros antepassados.

O Professor Raffaele Verlangieri ainda é proprietário de parte do Palazzo Verlangieri e, com muita simpatia, mostrou-nos seu interessante interior, com vários pavimentos, divididos em muitos cômodos. As explicações do professor fizeram-nos sentir como era a vida de nossos antepassados ali dentro da casa.

Por fim, Michele Cartusciello deixou-nos em Caggiano, onde permanecemos por duas noites. Minhas tias e eu já havíamos estado nessa cidade anteriormente, mas nossa emoção foi como se fosse a primeira vez. Nesse momento, uma prima minha do Brasil juntou-se a nossa excursão, pois queria conhecer o castelo onde nasceu nosso bisavô.

O antigo Castello Normanno de Caggiano pertenceu a família Isoldi desde o final do século XVIII e, em 2006, a maior parte dele foi adquirida pelo município para abrigar um museu e realizar atividades culturais. Foi muito emocionante rever “nosso” castelo, agora todo reformado, utilizado para sediar palestras e eventos públicos, além de ser visitado por turistas que passam pela região.

Ainda pudemos almoçar numa belíssima e antiga propriedade rural de parentes em Auletta, onde se produz azeite. Eles nos receberam com muita simpatia e passamos uma tarde agradabilíssima. No final desse dia, o responsável pelo Museo del Cognome, buscou-nos para retornarmos a Padula.

Na manhã seguinte, ele levou-nos a Santa Maria del Cedro, na Calábria, para visitar nossa prima italiana, onde passamos o dia e almoçamos com a família dela. No retorno, passamos por Maratea, para conhecer o Cristo do lugar no alto de uma colina, com vista para o mar; e fizemos uma parada para café no simpático centro da localidade.

Nossa viagem com o Museo del Cognome terminou quando Michele Cartusciello levou-nos ao encontro de parentes que residem em Sant’Egidio del Monte Albino, nas proximidades de Nápoles, onde passamos alguns dias e retornamos ao Brasil.

Os sete dias em que estivemos na Itália fazendo o turismo genealógico foram muito proveitosos e emocionantes. Pudemos conhecer pessoas e rever outras; “sentir” os lugares em que nossos antepassados viveram; aprender um pouco mais sobre história e geografia local; apreciar belas paisagens; e, logicamente, aproveitar a excelente culinária regional.


A chi di voi è mai capitato, ascoltando i racconti dei nonni, bisnonni, zii, di sentire pronunciare dei nomi alquanto curiosi? A nessuno? Eppure, nella storia di una famiglia, soprattutto in quelle del Sud, oltre il cognome, c'era il soprannome, anch'esso identificativo e anch'esso importante della ricerca genealogica e costruzione di un gruppo familiare.

Il mestiere, la provenienza, persino l'aspetto fisico e caratteriale di una persona venivano racchiusi in una o due, tre parole, e servivano a distinguere una gruppo familiare da un altro, oltre il cognome già presente.

Eccone una lista tratta dalla Tassa Catastale o Catastuolo del 21 Luglio 1801 riguardante Padula, in provincia di Salerno:

I soprannomi di Padula.


Ecco un video dedicato a #RootsTech, la più importante fiera genealogica al mondo, si terrà a Salt Lake City dal 12 al 14 Febbraio 2015. Qui verrà presentato il progetto Ancestors Tour - "In cammino con gli antenati".  E Il Museo del Cognome sarà il primo e unico stand italiano a prendervi parte. 

RootsTech2014


€3.050

raccolti su un obiettivo di €3.000

22

finanziatori

Finanziato!

101% finanziato

All or nothing  

Campagna conclusa

Team

Genealogista, da sempre amante delle tradizioni e della cultura locale, ha iniziato a coltivare la sua passione per la Genealogia all'età di vent'anni


Ricompense

di almeno €20 o più


Ricompensa 1

Ringraziamento sul sito + penna Museo del Cognome Thanks on the museum website + Museo del Cognome Pen


Tempi di consegna:
2015-04-01 00:00:00

Spedizione:
Online

di almeno €50 o più


Ricompensa 2

Ringraziamento sul sito + penna Museo del Cognome + Vademecum del Genealogista Thanks on the museum website + Museo del Cognome Pen+ Genealogist handbook


Tempi di consegna:
2015-04-01 00:00:00

Spedizione:
Online

di almeno €100 o più


Ricompensa 3

Ringraziamento sul sito + penna Museo del Cognome + Vademecum del Genealogista + portapenne in terracotta. Thanks on the museum website + Museo del Cognome Pen + Genealogist handbook + clay pen holder


Tempi di consegna:
2015-04-01 00:00:00

Spedizione:
Online

di almeno €250 o più


Ricompensa 4

Ringraziamento sul sito + penna Museo del Cognome + Vademecum del Genealogista + portapenne in terracotta + 2 libri. Thanks on the museum website + Museo del CognomePen + Genealogist handbook + clay pen holder + 2 books


Tempi di consegna:
2015-04-01 00:00:00

Spedizione:

di almeno €500 o più


Ricompensa 5

Punto precedente + spazio pubblicitario sul materiale da portare in fiera. Thanks on the museum website + Museo del Cognome Pen + Genealogist handbook + clay pen holder + 2 books + advertising space on the advertising material for the exhibition;


Tempi di consegna:

Spedizione:

di almeno €750 o più


Ricompensa 6

Punto precedente+ pubblicità su tutto il materiale cartaceo. Thanks on the museum website + Museo del Cognome Pen + Genealogist handbook, Museo del Cognome clay pen holder + 2 books, advertising space on the advertising material for the exhibition + advertising on the whole advertising material


Tempi di consegna:

Spedizione:

di almeno €1.000 o più


Ricompensa 7

Punto precedente+ pubblicità sul sito web del museo del cognome + pubblicità in tutte le manifestazioni a cui il museo parteciperà nei prossimi 2015 – 2016. As above-mentioned+ advertising on the museum website + advertising during all the events the museum will take part during the years 2015-2016


Tempi di consegna:

Spedizione:

© 2021 DeRev S.r.l. - Via dei Mille, 1 - 80121 Napoli (Italia)
Codice Fiscale / Partita IVA: 07255501210
Capitale Sociale: € 18.890,00 - REA: NA - 871554